La pubalgia è una sindrome dolorosa della regione anatomica dell’inguine che rientra tra le patologie da sovraccarico (microtraumi ripetuti nel tempo). Questa patologia interessa sopratutto gli sportivi che svolgono attività continuative ad alto livello in cui è richiesta un’intensa sollecitazione degli arti inferiori. La sindrome retto-adduttoria è una delle forme più frequenti di pubalgia. La pubalgia consiste in una tendinopatia inserzionale, a carico dei muscoli adduttori e/o dei retti addominali; essa interessa dal 2% al 7% di tutti gli infortuni sportivi e colpisce prevalentemente i maschi. Le cause sono sovraccarico funzionale e microtraumi ripetuti di tipo torsionale e di trazione a livello delle inserzioni tendinee di addominali ed adduttori, in presenza di fattori predisponenti (alterazioni posturali, dismetrie, malocclusione, scorretto appoggio plantare..). Il pubalgia1.jpeg-300x167 Pubalgia, cos'è e come si curaprincipale sintomo è il dolore, che parte dall’osso pubico, si dirama in tutta la regione e si localizza nell’inguine fino a interessare, in certi casi, la faccia interna della coscia.
Nelle forme lievi, compare al risveglio e si manifesta all’inizio degli esercizi fisici, tendendo poi a scomparire una volta effettuato il riscaldamento. Nelle fasi più gravi della patologia, al contrario, il dolore può apparire anche in modo improvviso, durante lo svolgimento dell’attività sportiva, tanto da impedirne la continuazione o, addirittura, rendere difficile la semplice deambulazione. In questo caso, il dolore diventa persistente, continuo e tende ad aggravarsi con l’attività mentre soltanto il riposo lo attenua e una buona fisioterapia.

Come si cura la pubalgia?

Nel trattamento della patologia è molto importante intervenire subito e con decisione, eliminando le cause per evitare una cronicizzazione:

  • riposo, per una durata variabile da alcune settimane ad alcuni mesi;
  • trattamento farmacologico antiinfiammatorio locale e sistemico;
  • utilizzo di mezzi fisici come Hilterapia, Tecarterapia, per attenuare l’infiammazione ed agevolare la guarigione dei muscoli interessati;
  • esercizi di stretching dei muscoli adduttori, lavorando subito al di sotto della soglia del dolore; per la detenzione e il rilassamento muscolare;
  • esercizi di riequilibrio del bacino ottimi gli esercizi di core stability;
  • esercizi di propriocezione.pubalgia_del_corridore.jpeg-300x121 Pubalgia, cos'è e come si cura

Occhio al fai da te! La pubalgia non sempre colpisce gli sportivi, ma anche i cosiddetti amatoriali che, in preda  ai sensi di colpa post natalizi o prima della prova costume, decidono di indossare tuta e sneakers e corrono su asfalto, ben felici, pensando di perdere quei kg di troppo accumulati. Attenzione il rischio di una “pubalgia del corridore” è altissimo. E’ sempre meglio farsi seguire da un personal trainer, nonché eseguire riscaldamento pre workout e stretching post allenamento.