QUALCHE SUGGERIMENTO PER CHI SI ALLENA DA SOLO

Di sicuro tra gli appassionati nel nuoto c’è chi preferisce nuotare in solitudine, ma ciò non toglie che lo fa allenandosi. Innanzitutto bisogna stabilire qual è l’obiettivo principale: dimagrimento, divertimento, rilassamento, svago. Dopodiché, stabilito l’obiettivo, si deve stabilire un tempo ben preciso ossia quante volte a settimana si vuol praticare l’attività motoria; la costanza è fondamentale. L’ideale sarebbe praticarla tre volte a settimana, ma anche due può andar bene, basta esser costanti, sempre! Per quanto concerne invece la durata della nuotata, un’ora è l’ideale. Detto ciò vediamo come procedere con l’allenamento calcolando una frequenza di tre volte a settimana.

  1. Riscaldamento: ( 200 metri riscaldamento).
  2. Parte tecnica: (4×50 gambe stile libero tavoletta + 4×50 stile libero con pull).
  3. Parte centrale: ( 8×50 misti – delfino/dorso/rana/stile libero).
  4. Defaticamento: ( 200 metri a piacere).

La volta successiva magari accorciare i tempi di riposo, ma l’importante, prima di entrare in vasca, è tenere sempre a mente la serie da eseguire altrimenti si corre il rischio di nuotare meno. Dopo l’allenamento è sempre consigliato fare uno spuntino e riposarsi un po’. Buon allenamento.

Related Post
Nuotare da piccoli. Ritorno alle origini
Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *